Home Cosenza Rossano Calabro

Rossano Calabro

3269
Rossano, luoghi calabresi

Rossano Calabro: tra le verdi montagne della Presila e lo Jonio

La storia

In alto domina il paesaggio Rossano paese, antica cittadella storica ricca di arte e cultura, mentre sul litorale si trova Rossano scalo, località di mare apprezzata per il suo mare trasparente ed i suoi ottimi servizi turistici. Due ambienti e due atmosfere diverse per i turisti che vogliono abbinare il divertimento alla cultura, il relax alla scoperta della storia millenaria di questo territorio. Probabile insediamento greco, cresciuta sotto i Romani, Rossano raggiunge il suo splendore durante l’epoca Bizantina, intorno al IX sec. d.c., quando diviene sede politica, amministrativa e religiosa di prima importanza. Dopo la conquista della Sicilia da parte degli Arabi, la Calabria divenne un punto difensivo strategico per l’Impero Bizantino, e Rossano una della sue rocche inespugnabili. Sotto i Normanni e gli Svevi la città mantenne il suo ruolo di primo ordine come centro politico, incrementando anche la sua vita culturale come sede di una Libera Università: questo contribuì alla formazione di una nobiltà colta ed illuminata e favorì il mecenatismo, portando a Rossano i migliori artisti ed architetti del Sud Italia.

Da vedere:

Perla di Rossano è senz’altro il Codex Purpureus Rossanensis, un manoscritto unico al mondo, di origine mediorientale, portato a Rossano durante il Medioevo forse da un aristocratico fuggito da Costantinopoli. Perfettamente conservato, è realizzato in pergamena e decorato in oro ed argento e contiene il testo greco dei Vangeli di Matteo e Marco. Il Codex Purpureus è custodito nel Museo Diocesano di Arte Sacra di Rossano.

Il paese è famoso anche per le sue antiche chiese, i suoi monumenti, i suoi palazzi nobiliari. Tra questi ricordiamo:

– la Torre Stellata (XVI sec.), sul lungomare di S. Angelo;

– la Torre dell’orologio, dell’ 800, nella centrale piazza Steri;

– i Palazzi storici più famosi: Pisani, Amarelli, Malena, Sorrentino;

– la Cattedrale dell’Achiropita, Duomo di Rossano, di epoca bizantina;

– la Chiesa di S. Marco, del IX-X secolo; L’Abbazia del Patire, del XI-XII secolo, immersa nel bosco a poca distanza dal paese, ricca di mosaici e di testimonianze dell’architettura arabo – normanna.