Home Media e spettacolo Leo Sanfelice

Leo Sanfelice

2107

Leo Sanfelice: biografia

Leo Sanfelice, talvolta indicato anche come Leo di San Felice è un pianista, cantante, compositore, nonché personaggio televisivo italiano. Specializzato nel repertorio jazz (ha preso parte a Umbria Jazz), ragtime e swing all’italiana, nel 2008 e nel 2009 ha partecipato come responsabile del commento musicale alla trasmissione televisiva di Pino Strabioli Cominciamo bene – prima, striscia quotidiana in onda ogni mattina dal lunedì al venerdì su Rai 3.  Come musicista è stato scoperto e lanciato da Renzo Arbore all’interno degli show della sua Swing Maniacs, sia in teatro che in spettacoli televisivi.  Calabrese di nascita, ( con mamma e nonno di origini calabresi ) cresce in Sicilia per poi, ancora giovanissimo, partire per Roma alla ricerca del successo, tuttavia la capitale non è ancora pronta per questo genere di performance, cosicché armato di grinta e coraggio comincia il suo variopinto tour europeo che durerà più di vent’anni. Di origini nobili, laureato in scienze politiche, Sanfelice è un artista poliedrico ed un esempio di one man show formatosi nei piccoli circoli musicali sullo stile dei Café Chantant, in grado di alternare sketch, canzoni e gag improvvisate. I suoi monologhi sono un pretesto per presentare brani in stile vintage inframmezzati da spiegazioni, aneddoti, dialoghi con il pubblico.  Le sue canzoni, dai testi spensierati, si richiamano a quelle in voga negli anni trenta, quaranta e cinquanta ed hanno spesso un contenuto provocatorio o dissacrante, come nel caso del tango intitolato Chiamami Rosita in cui vengono espressi i pensieri proibiti di un medico che sogna di lanciarsi in danze goliardiche con il proprio infermiere in veste di macho.  La giornalista Marinella Venegoni, recensendo per La Stampa il tour 2002 degli Swing Maniacs di Renzo Arbore, ha scritto, a proposito di Sanfelice:

« … pianista e sciantoso, [Sanfelice è] un duca piccolo e tondo che sembra uscito da un disegno del Corriere dei Piccoli d’antan, uno di quei personaggi che sarebbero pronti per rappresentare se stessi in tv, come tanti di coloro che Arbore ha scoperto. »