Home Arte e cultura Mimmo Rotella

Mimmo Rotella

2362

Mimmo Rotella: biografia

Nasce a Catanzaro il 7 ottobre 1918.

Conclusa la scuola media si sposta a Napoli per intraprendere gli studi artistici e nel 1941 si trasferisce a Roma.
Tra il 1944 e il 1945 insegna Disegno a Catanzaro. Nel 1947 inizia a partecipare alle esposizioni a Roma: la prima mostra personale, con opere astratto-geometriche, nel 1951, presso la Galleria Chiurazzi di Roma, non riscuote il favore della critica.
Nel 1951 espone a Parigi al Salon des Realistés Nouvelles.
Nel 1953 scopre il manifesto pubblicitario come espressione artistica della città. Così nasce il décollage (all’inizio collage): incolla sulla tela pezzi di manifesti strappati per strada, adottando il collage dei cubisti e contaminandolo con la matrice dadaista del ready made. Nel 1955, a Roma, nella mostra “Esposizione d’arte attuale“, espone per la prima volta il ‘manifesto lacerato’.
I primi riconoscimenti arrivano nel 1956 con il Premio Graziano e nel 1957 con il Premio Battistoni. Con la serie Cinecittà, del 1958, seleziona figure ed volti delle pubblicità cinematografiche orientando la produzione verso opere di tipo maggiormente figurativo.
Nel 1960 aderisce al Nouveau Réalisme (anche se non ne firma il manifesto), teorico del quale è Pierre Restany e che riunisce, fra gli altri, Klein, Spoerri, Tinguely, César, Arman e Christo. Insieme ai décollages, Rotella esegue anche assemblage di oggetti acquistati da rigattieri come tappi di bottiglia o corde.
Nel 1961 espone nella storica mostra À 40° au-dessus de Dada, curata a Parigi da Restany. Nel 1964 è invitato alla Biennale Internazionale d’Arte di Venezia.
Trascorre gli anni ’70 a Parigi ma nel 1980 si stabilisce a Milano, dove realizza il secondo ciclo di opere dedicate al cinema, “Cinecittà 2”.
Nel 1990 partecipa al Centre Pompidou di Parigi alla mostra “Art et Pub” e al Museum of Modern Art di New York all’esposizione “High and Low”.
Riceve nel 1992 dal Ministro della Cultura francese, Jack Lang, il titolo di Officiel des arts et des Lettres.
Nel 2000 viene costituita, per volontà dell’artista, una fondazione a lui dedicata: la ‘Fondazione Mimmo Rotella’, con l’obiettivo di raccogliere le opere e le documentazioni catalogate della vita artistica del maestro.
Nel 2004 Rotella ha ricevuto la laurea honoris causa in Architettura all’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria.
Muore a Milano l’8 gennaio 2006.