Home Archivio Eventi Galà dei Sapori

Galà dei Sapori

1709

GUST’IN ITALY – GALÀ DEI SAPORI DEL SUD: GRANDE SUCCESSO PER L’ENOGASTRONOMIA DEL MEZZOGIORNO D’ITALIA

Vibo Valentia capitale del Sud per una notte…con una madrina d’eccezione…

Il Corso Umberto di Vibo Valentia torna a risplendere. E per inaugurarlo accorrono da tutto il Sud arricchendolo con un mix, più che azzeccato, di cultura, valorizzazione dell’identità territoriale, musica, colori ma soprattutto sapori del Mezzogiorno d’Italia. Il Gust’in Italy – Galà dei Sapori del Sud edizione 2009, svoltosi domenica 19 luglio a Vibo ed ideato e messo in scena dallo ‘chef’ Piero Muscari, ha colpito nel segno, mirando due bersagli in un colpo solo: evidenziare una parte della città appena riportata agli antichi splendori, e rendere l’ evento un preciso impegno giornalistico per tentare di raccontare una Calabria più vera ed un Sud più ‘gustoso’ e positivo. Tra tavoli addobbati lungo il Corso cittadino, sottofondi musicali ed odori da far venire l’acquolina in bocca, la sensazione era quella di un viaggio nel tempo, un salto negli anni ’60, quando Saverio Mancini animava la cittadina calabrese portando in quel luogo artisti da tutta Italia. E così è stato. Dalla Puglia i “Maralacqua”, dalla Calabria il gruppo “Radici Kalabre”, dalla Sicilia i “Robasicula” ed infine dalla Campania i Tamburanova: la musica non è proprio mancata. Ma ciò che ha più emozionato i vibonesi, i tanti i turisti ed i calabresi accorsi da ogni parte della regione, è stato il poter vedere, in una sola serata, il bel ‘giardino sul mare’, la caratteristica Vibo, divenire punto strategico in cui far convergere le gustosità protagoniste del festival della cucina Mediterranea. « Bisogna essere orgogliosi di far parte di questo Sud », ha dichiarato una goliardica e frizzante madrina d’eccezione, l’amatissima attrice Marisa Laurito che ha esortato tutti a cercare il successo senza falsi miti ma semplicemente « lavorando, lavorando, lavorando » poichè è solo così che ogni settore può emergere. Calabrese di padre, napoletana di madre, la Laurito, tra una poesia dedicata ‘ o sugo’ ed una ricetta con le cipolle di Tropea, ha poi svelato un simpatico segreto: « Mia nonna diceva che il sugo, per essere buono, andava cucinato la mattina presto. E si svegliava prestissimo per prepararlo. Io, addirittura, per farlo meglio, lo preparo dal giorno prima! ». Ma il Galà dei sapori del Sud, oltre ad assicurarsi musica di successo, cena ‘sotto le stelle’ con gli chef di “Assapori Calabria” ed una madrina come la Laurito, è stato anche dibattito, dedicato al tema “Enogastronomia e rilancio del Sud”. Nel corso del talk show, moderato dal giornalista Muscari, è stata forte la posizione sostenuta da Pietro Molinaro, presidente di Coldiretti, il quale ha invitato il Sud a « difendere i propri prodotti dalle contraffazioni che subiscono nel mondo provocando un’enorme perdita e danni ingenti all’economia locale ». Presente al dibattito anche l’esperto di marketing territoriale, Roberto Dedonno, il quale ha ricordato che « fra gli 8mila comuni italiani esistenti, quasi 6 mila hanno meno di 5 mila abitanti ed una delle opportunità che essi hanno per farsi conoscere consiste proprio nella valorizzazione dell’enorme patrimonio enogastronomico ». Forte l’appoggio garantito in seguito dal dirigente del settore agricoltura della regione Calabria, Giacomo Giovinazzo, che ha garantito « massimo appoggio per manifestazioni che non scimmiottano modelli di eventi che nulla hanno a che vedere con la realtà nostrana ». Migliaia le persone che hanno inoltre visitato gli oltre 15 stand predisposti dai giovani dirigenti di Coldiretti i quali hanno dato a turisti ed autoctoni la possibilità di degustare prodotti tipici delle regioni del Sud ed immergersi così in un mix di bontà quasi difficile da reperire in altri parti del mondo. Entusiaste anche le giovani ‘guide’ degli Enti patrocinanti dell’iniziativa e sostenitori del progetto: per il comune l’assessore Giovanni Colace, per la Provincia l’assessore Gianluca Callipo, per la Camera di Commercio di Vibo Valentia Michele Lico. Tutti uniti in Calabria, immersi nel gusto ed accomunati dall’aver realizzato un obiettivo: aver reso Vibo Valentia, almeno per una notte, la capitale dei « saperi e sapori del Sud ».